dolcetto o scherzetto

aldo, il mio spettacolare compagno di scrivania,

quello che al venerdì augura sempre ‘un focoso weekend’ a tutti, oggi è in forma. prende in mano il telefono e chiama:

a_: si, pronto, brontolo*, dove sei?…
(*brontolo = luciano, cacciatore di angeli con doppietta caricata a bestemmie)
… … …
a_: …e alura sbòrat! am serf al furgòn!
… … …
a_: eh, par andà a fighi!! a carghi an stràmas da dre’…

fine della telefonata. si gira verso di me:
a_: come va lì a vicenza da quel punto di vista? parlo di ragazze…
cox: no, niente, vado solo a giocare a calcetto.

…e parte il suo racconto:
“io lì, mi sono sempre trovato bene, nel triangolo dei bermuda, tra verona, vicenza e treviso. lì quando avevo venticinque anni, facevo leva sui sensi di colpa delle giovani ragazze cattoliche, oppresse dalla chiesa, che quando decidevano di concersi ièra d’li gugioli ad prima riga. non come in emilia, già più emancipate, che ‘i t’la dava gnanca satz sigavi, ma lì nel veneto, oh ‘a parli ad trent’ann fa, bastava lavorarle un pò che dopo ag vulea in quatar par tèli fermi, fffffiiiiiuuuu, a vulava li mudandi.”

15:42, ufficio.

improvvisamente si alza in piedi e inizia il suo intenso e aulico discorso…

“adès a và spieghi ‘na roba: iun di pù s’è grand crimini cuntra l’umanità l’è mia stà, come iun al pol pensà, al nazismo, o mei, mia apèna call’è, c’al ghè bela stà, ma l’è, atansion a quel cav’ dighi, la festa d’halowìn, parchè l’è mia pusìbil fa ‘na festa a d’li souchi, parchè li souchi li serv apena par fa i turtèi. e po’ a ghè an qualdùn c’al ven e’l ma dis: ‘dolcetto o scherzetto?’ alura me ag’ dig chi vaga a cagà!! parchè l’è mia cuncepibil che dgl’irlandès puvrass, ottenebrati da la grapa fata in casa e dal sidro, i’àbia espurtà ‘na festa in america e l’america dopu las’sia rota i maròn e i l’àbia espurtà chè da nuàtar. bisogna èsar ignurant me li cavri a festegià ‘na roba dal genar e se i mè fìoi i riva a cà cun ‘na souca intaiada ag dò ‘na psada a lur e iun ala souca ca la fù vulà in di camp. e dopu alura a ga spieghi al parchè. e cun còstu, u f’nì.”

…traduzione:

“adesso vi spiego una cosa: uno dei più grandi crimini contro l’umanità non è stato, come si è portati a pensare, il nazismo, non solo quello, che purtroppo c’è già stato, ma è, attenzione alle mie parole, la festa di halloween, perchè non è possibile fare una festa a delle zucche, perchè le zucche servono per fare i tortelli. e poi qualcuno viene a dirmi ‘dolcetto o scherzetto?’…allora me ag’ dig chi vaga a cagà!! perchè non è concepibile che degli irlandesi poveracci, ottenebrati dalla grappa fatta in casa e dal sidro, abbiano esportato una festa in america e l’america poi las’sia rota i maròn e l’abbia esportata a sua volta qui. bisogna essere ignoranti come le capre a festeggiare una cosa del genere e se i miei figli arrivano a casa con una zucca intagliata, gli do un calcio a loro e uno alla zucca che la faccio volare nei campi. e dopo allora gli spiego il perchè.
e con questo ho concluso.”

ho le lacrime agli occhi dal ridere. buon halowìn a tutti.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: