io che mi so muovere a milano

situazione di emergenza in azienda. l’ennesima.

ma tra le tante situazioni di emergenza reale, questa mi sa che è veramente urgente. se non è questione di vita o di morte, poco ci manca. ok, annulliamo gli impegni presi e dedichiamoci a questa, perchè ‘ci sono da portare dei documenti urgentissimi a milano‘.

fino a qui, restiamo nella norma. intuisco la fregatura.
dove, di preciso?
corso magenta. centro. pieno. pieno centro.
zona ecopass, traffico limitato, centro storico, acthung mine.
zona ‘tu qui non ci arrivi, e farò di tutto per non farti arrivare’
puoi immaginarti con un furgone. grasse risate.

eseguo la solita procedura, con lo sconforto nel cuore.
chiamo il ‘mio’ ‘autista’, quello che va dove lo mando, quasi sempre.
devi andare a milano…‘ e gli mostro la zona.
ma io lì come ci arrivo?‘ eh… parcheggi fuori e prendi la metro.
ora, il tipo ha già una certa età, non è poi così stupido,
però insomma, stavolta la mission è davvero impossible anche per lui.
se entra in metro ne esce fra otto giorni. se ne esce.
e arrivare anche solo alle porte di milano, e poi?
ho un terribile presentimento…

ne frattempo, lo mando a prendere i documenti da consegnare.
almeno quello riesce a farlo. squilla il mio telefono: ecco, ci siamo.
roberto? senti, tu a milano centro ti sai muovere bene, giusto?
certo, capo.‘ i’m the winner.

maledetti amatissimi amici che da genova emigrate a milano.

certo, sì, abbastanza bene se è per quello…
ecco, pensavo…
non pensi e non serve dica altro: vado io?
bravo, grazie.‘ ma si immagini, cosa vuole che sia per me
che mi so muovere a milano. mi metto pure la camicia,

così sembra che siamo un’azienda seria.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: