siamo chi siamo

nel mezzo del cammin di nostra vita

mi ritrovai a non aver capito, ma poi ci fu una distrazione
o forse fu un’insolazione a dirmi “non c’è niente da capire”
di tutte quelle strade, averne presa una
per tutti quegli incroci nessuna indicazione
di tutte quelle strade, trovarsi a farne una
qualcuno ci avrà messi lì

siamo chi siamo, siamo arrivati qui come eravamo
abbiamo parcheggiato fuori mano, tu non chiamare più che ti richiamo

siamo chi siamo, un giorno c’era un doppio arcobaleno
un giorno c’hanno attaccati al seno, un giorno c’hanno rovesciato il vino

siamo chi siamo, la nebbia agli irti colli forse sale
non ci si bagna nello stesso fiume, non si finisce mai di avere fame

conosco le certezze dello specchio
e il fatto che da quelle non si scappa
e ogni giorno mi è più chiaro che quelle rughe sono solo
i tentativi che non ho mai fatto

siamo chi siamo, siamo arrivati qui come eravamo
si sente una canzone da lontano

potresti fare solo un po’ più piano??